«Purché non si pensi!»: siamo diventati spettatori passivi, ipnotizzati da realtà senza collegamenti e senza voglia di pensare

«Come è possibile?» (Lc 1,34) Questa domanda posta all’Arcangelo Gabriele da Maria di Nazareth, ci sembra un autorevole invito al diritto di essere insieme credenti e pensanti. Uomini e donne di fede, che il proprio cervello e la propria capacità di discernimento non li hanno mandati per nulla al macero. Tutto ciò potrebbe sembrare ovvio se non vivessimo in tempo … Continua a leggere