Distruggere la Chiesa – Gianfranco Ravasi

ravasi.jpg«Io distruggerò la vostra Chiesa», disse Napoleone al cardinale Consalvi. «Maestà, sono venti secoli che noi stessi cerchiamo di fare questo e non ci siamo riusciti», rispose il Segretario di Stato di Pio VII. Lo spunto auto-ironico di quel cardinale è di facile assimilazione e applicazione un pò a tutti noi cristiani, perché, come membra vive della Chiesa, abbiamo spesso fatto di tutto per paralizzarla, ferirla, umiliarla. Tuttavia la presenza divina, assicurata dalle parole di Cristo rivolte a Pietro («le porte degli inferi non prevarranno contro di essa») fa sì che la Chiesa continui nei secoli come segno di amore, di verità, di speranza.

mazzolari.gifVorrei a questo punto lasciare la riflessione a un sacerdote che soffrì per la Chiesa e anche attraverso la Chiesa, conservandone intatta la fedeltà e l’amore, don Primo Mazzolari: «Custode di un’eredità che non muore: anello di comunicazione misteriosa e magnifica tra la patria delle cose puerili e quella delle cose eterne: stranamente vituperata nei giorni dell’ira e vivamente necessaria agli stessi vituperatori nei giorni dell’infortunio. Tu, o Chiesa, possiedi un libro, una croce, un pane con cui puoi alzare gli schiavi, insegnare, benedire, compiangere». Il libro, la croce e il pane sono i suoi veri tesori e sono il segno della sua sfida alla morte, perché essi sono la presenza viva, eterna ed efficace del Padre, di Cristo e dello Spirito. (Avvenire)

Altri articoli di Gianfranco Ravasi:

– Invidia, la malattia che distrugge l’anima e il corpo

– L’ignoranza divide, il sapere unisce

– San Tommaso: elogio del dubbio!

Distruggere la Chiesa – Gianfranco Ravasiultima modifica: 2010-08-30T00:05:00+02:00da kattolika177
Reposta per primo quest’articolo