Qual è la posizione ufficiale della Chiesa Cattolica sui Cristiani non cattolici e i fedeli delle altre religioni?

giovanni-paolo-ii-ecumenismo-assisi.jpg

Ci sono persone (anche tra i fedeli cattolici) che ancora pensano che la Chiesa Cattolica insegni che chi non è cattolico (fedeli di altre chiese cristiane o di altre religioni) sia destinato alla perdizione eterna e all’inferno. In verità, questa idea è profondamente falsa e sbagliata. Qual è, dunque, l’idea della Chiesa Cattolica sulle altre Chiese Cristiane e le altre religioni? Per rispondere a questa domanda dobbiamo prendere come riferimento un documento molto chiaro che si chiama LUMEN GENTIUM, prodotto dai vescovi cattolici nel 1964 nell’ambito del Concilio Vaticano II, evento importantissimo tenutosi nel Vaticano tra il 1962 e il 1965.

Per conoscere il pensiero ufficiale della Chiesa Cattolica sulla questione bisogna leggere i paragrafi 13, 15 e 16 di questo importante documento, nel quale la Chiesa Cattolica riflette su se stessa. Riportiamo integralmente i due paragrafi:

 

L’unico popolo di Dio è universale

13. Tutti gli uomini sono quindi chiamati a questa cattolica unità del popolo di Dio, che prefigura e promuove la pace universale; a questa unità in vario modo appartengono o sono ordinati sia i fedeli cattolici, sia gli altri credenti in Cristo, sia infine tutti gli uomini senza eccezione, che la grazia di Dio chiama alla salvezza.

 

I cristiani non cattolici e la Chiesa

15. La Chiesa sa di essere per più ragioni congiunta con coloro che, essendo battezzati, sono insigniti del nome cristiano, ma non professano integralmente la fede o non conservano l’unità di comunione sotto il successore di Pietro. Ci sono infatti molti che hanno in onore la sacra Scrittura come norma di fede e di vita, manifestano un sincero zelo religioso, credono amorosamente in Dio Padre onnipotente e in Cristo, figlio di Dio e salvatore, sono segnati dal battesimo, col quale vengono congiunti con Cristo, anzi riconoscono e accettano nelle proprie Chiese o comunità ecclesiali anche altri sacramenti.

Molti fra loro hanno anche l’episcopato, celebrano la sacra eucaristia e coltivano la devozione alla vergine Madre di Dio. A questo si aggiunge la comunione di preghiere e di altri benefici spirituali; anzi, una certa vera unione nello Spirito Santo, poiché anche in loro egli opera con la sua virtù santificante per mezzo di doni e grazie e ha dato ad alcuni la forza di giungere fino allo spargimento del sangue.

Così lo Spirito suscita in tutti i discepoli di Cristo desiderio e attività, affinché tutti, nel modo da Cristo stabilito, pacificamente si uniscano in un solo gregge sotto un solo Pastore. E per ottenere questo la madre Chiesa non cessa di pregare, sperare e operare, esortando i figli a purificarsi e rinnovarsi perché l’immagine di Cristo risplenda più chiara sul volto della Chiesa.

 

I non cristiani e la Chiesa

16. Infine, quanto a quelli che non hanno ancora ricevuto il Vangelo, anch’essi in vari modi sono ordinati al popolo di Dio. In primo luogo quel popolo al quale furono dati i testamenti e le promesse e dal quale Cristo è nato secondo la carne (cfr. Rm 9,4-5), popolo molto amato in ragione della elezione, a causa dei padri, perché i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili (cfr. Rm 11,28-29). Ma il disegno di salvezza abbraccia anche coloro che riconoscono il Creatore, e tra questi in particolare i musulmani, i quali, professando di avere la fede di Abramo, adorano con noi un Dio unico, misericordioso che giudicherà gli uomini nel giorno finale.

Dio non e neppure lontano dagli altri che cercano il Dio ignoto nelle ombre e sotto le immagini, poiché egli dà a tutti la vita e il respiro e ogni cosa (cfr At 1,7,25-26), e come Salvatore vuole che tutti gli uomini si salvino (cfr. 1 Tm 2,4). Infatti, quelli che senza colpa ignorano il Vangelo di Cristo e la sua Chiesa ma che tuttavia cercano sinceramente Dio e coll’aiuto della grazia si sforzano di compiere con le opere la volontà di lui, conosciuta attraverso il dettame della coscienza, possono conseguire la salvezza eterna.

Né la divina Provvidenza nega gli aiuti necessari alla salvezza a coloro che non sono ancora arrivati alla chiara cognizione e riconoscimento di Dio, ma si sforzano, non senza la grazia divina, di condurre una vita retta. Poiché tutto ciò che di buono e di vero si trova in loro è ritenuto dalla Chiesa come una preparazione ad accogliere il Vangelo e come dato da colui che illumina ogni uomo, affinché abbia finalmente la vita.

Ma molto spesso gli uomini, ingannati dal maligno, hanno errato nei loro ragionamenti e hanno scambiato la verità divina con la menzogna, servendo la creatura piuttosto che il Creatore (cfr. Rm 1,21 e 25), oppure, vivendo e morendo senza Dio in questo mondo, sono esposti alla disperazione finale. Perciò la Chiesa per promuovere la gloria di Dio e la salute di tutti costoro, memore del comando del Signore che dice: «Predicate il Vangelo ad ogni creatura» (Mc 16,15), mette ogni cura nell’incoraggiare e sostenere le missioni.

 

Perciò

Questo è l’insegnamento ufficiale della Chiesa Cattolica. Chi insegna o predica insegnamenti differenti è in errore e si pone automaticamente fuori dalla comunione con il Popolo di Dio. Le religioni non devono essere motivo di divisione e di guerra tra gli uomini, ma causa di progresso, di unione e di ricerca autentica della verità sulla nostra esistenza. Dio benedica tutta l’umanità.

Qual è la posizione ufficiale della Chiesa Cattolica sui Cristiani non cattolici e i fedeli delle altre religioni?ultima modifica: 2012-05-29T19:15:34+02:00da kattolika177
Reposta per primo quest’articolo