Gianfranco Ravasi – I vostri figli non sono vostri

I vostri figli non sono i vostri figli. Essi non vengono da voi, ma attraverso voi, e non vi appartengono benché viviate insieme. Potete amarli, ma non costringerli ai vostri pensieri, poiché essi hanno i loro pensieri. Potete custodire i loro corpi, ma non le loro anime: essi abitano, infatti, in case future che voi neppure in sogno potrete visitare. … Continua a leggere

Ricerche dimostrano che esprimiamo giudizi parziali sulla base di informazioni superficiali e incomplete. Saltiamo alle conclusioni dopo aver ascoltato solo una versione dei fatti pur sapendo che ne esiste un’altra

Nel 1996, Lyle Brenner, Derek Koehler e Amos Tversky condussero uno studio con l’obiettivo di scoprire in che modo le persone giungono a una conclusione in base a informazioni limitate. Già in uno studio precedente, altri psicologi avevano dimostrato che le persone sono “assolutamente insensibili sia alla quantità sia alla qualità delle informazioni da cui hanno origine impressioni e intuizioni”, … Continua a leggere

Ascoltare e dirigere: giusto interpellare bambini e ragazzi sulle questioni che li riguardano. Mettendo in chiaro fin da subito che su tutto si può discutere ma che in molti casi la decisione finale spetta solo ai genitori

Che molti genitori siano confusi, incerti e non sappiano come educare i figli è una condizione piuttosto diffusa ma comprensibile. Nella seconda metà del Novecento si è passati dal vecchio stile tradizionale che vedeva i figli in posizione subordinata nei confronti dei genitori a cui dovevano obbedire senza discutere (da cui spesso venivano anche picchiati, umiliati e duramente puniti) allo … Continua a leggere

I rischi dell’educazione minimalista: quell’autonomia dei figli che mina l’autorevolezza del rapporto genitore-figlio

Un genitore italiano è arrestato in Svezia per due giorni, per uno scappellotto al figlio. Viene in mente Geppetto, arrestato dai Carabinieri, quando inseguiva il suo Pinocchio che, appena appresa la capacità di camminare, infilò la porta dopo aver assestato un calcio al suo genitore: ci si strugge il cuore nell’immaginare Geppetto, tenero e appassionato, che non riesce a tenere … Continua a leggere

Dire Dio narrandolo con la Bibbia – Bruno Ferrero

Una premessa necessaria: perchè raccontare oggi? «Le storie sono doni d’amore» diceva Lewis Carroll. Il piacere dei bambini un piacere che ascoltano un racconto sembra evidente, perlomeno è visibile. Quello condiviso dell’adulto che racconta è meno visibile. Il più delle volte questa mancanza di piacere è solo un’apparenza, una forma di autocensura. Anche se effettivamente alcuni animatori e insegnanti considerano questo “esercizio” una … Continua a leggere

La famiglia e la responsabilità educativa: “Gesù cresceva in età, sapienza e grazia”

La relazione presentata è suddivisa in due parti: Nella prima parte , più breve e sintetica, vengono accennate le tappe evolutive della personalità, a testimonianza della crescita psichica del bambino. Nella seconda parte , viene dedicato maggior spazio e ricerca ai cardini fondamentali dello sviluppo, con particolare attenzione alla dinamica educativa, testimoniando uno stretto parallelo fra la psicopedagogia e il … Continua a leggere

Ritorno al futuro: educare gli adolescenti all’autostima

Nessun progetto o speranza nel domani. E tanta sfiducia nelle istituzioni, nelle regole, persino negli ideali I giovani d’oggi si scontrano con l’ostilità di un mondo in cui la parola “crisi” sembra paralizzare ogni ingranaggio. E finiscono per ripiegare su indifferenza e sballo. Cambiarli si può e si deve. Di Paola Molteni Si ribellavano alle vecchie generazioni, ai padri, alle … Continua a leggere

Conta su di me: educare i bambini all’autostima

Le prime paure, i primi rifiuti. Nell’età evolutiva la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità è il catalizzatore del successo scolastico, sociale e persino sportivo. Ecco come farla crescere nei nostri figli. Di Nicoletta Martinelli «Lo so già che la scuola non mi piace. E poi non sono capace di leggere…». Hai voglia a spiegare al pargoletto che … Continua a leggere

Come essere madre quando i figli diventano adolescenti

Con l’adolescenza il figlio bambino “scompare”prendendo le distanze dal rapporto con la madre. I profondi e radicali cambiamenti che ne derivano possono essere vissuti dalla mamma con smarrimento e profondo dolore: «Io e mio figlio non ci capiamo più. Fino a ieri di lui sapevo o intuivo tutto. Ora, invece, mi è totalmente sconosciuto». Quando un figlio entra in adolescenza, spesso … Continua a leggere

Genitori affettuosi: sì, ma come?

Niente falsi allarmi. Ognuno trova la sua strada. Il genitore perfetto non esiste: sbaglia, ha dei torti, si confonde… Ed è giusto che sia così. Non occorre educare i figli prendendo a prestito un modello ideale che non è il nostro. Meglio essere se stessi ed onesti. E neanche i figli sono perfetti: i genitori vorrebbero illudersi di aver messo al … Continua a leggere